sabato 18 luglio 2009

Il Blocco di Branca

Abbiamo appena ritirato il nostro elettrocardiogramma. Lo apriamo, guardiamo, cerchiamo conforto nel referto, che recita: "ritmo sinusale, blocco di branca..." che può essere destro o sinistro. 
Ritmo sinusale in pratica vuol dire ritmo normale. La parola "blocco di branca" invece ci preoccupa, suona male. Vediamo pertanto di che si tratta e, soprattutto, se c'è da preoccuparsi. 
Anzitutto una breve premessa: il cuore possiede un circuito elettrico tutto suo. Come ogni altro muscolo, per potersi contrarre, necessita di corrente elettrica. Questa corrente viene distribuita al cuore mediante un vero e proprio circuito elettrico, fatto non da fili ma da un tessuto particolare che si comporta come un filo elettrico, conducendo correnti molto basse (si parla di millesimi di Volt) ad alta velocità. E' noto che i due ventricoli, il destro e il sinistro, rappresentano la parte più importante del cuore: il ventricolo destro spinge tutto il sangue ad ossigenarsi nei polmoni, mentre il sinistro, una volta ricevuto tutto il sangue ossigenato, si occupa di distribuirlo a tutto l'organismo, spingendolo in aorta.
I due ventricoli, per potersi contrarre regolarmente, possiedono entrambi un fascio elettrico che garantisce una distribuzione omogenea della corrente. Questi due fili o fasci elettrici si chiamano "branca destra" e "branca sinistra" del fascio di His. Partono da un punto particolare del cuore (detto "nodo atrio-ventricolare") e terminano sfioccandosi a ventaglio nei due ventricoli stessi, per garantire una capillare diffusione della corrente elettrica. Per motivi vari può accadere che una di queste branche non conduca la corrente come dovrebbe, risultando pertanto "bloccata", dando origine, per l'appunto, ad un "blocco di branca". Quando una branca è bloccata non vuol dire che la corrente si sia bloccata del tutto. Se cosi fosse, il ventricolo corrispondente rimarrebbe fermo, come fosse morto.
Per fortuna non è cosi, in quanto la corrente, pur non passando più per il circuito elettrico preposto, si diffonderà molto più lentamente attraverso il ventricolo stesso, rendendo pertanto la contrazione un po' più disarmonica e leggermente meno efficace. Qual è il significato del blocco di branca? E' grave? Vediamo un po' più in dettaglio.  
Blocco di branca destra Comunemente abbvreviato in BBD (o BBDx, in inglese si chiama "right bundle branch block, o RBBB) è un'alterazione del circuito elettrico considerata in genere innocua. Può instaurarsi per fatti degenerativi, per ischemia del cuore, dopo interventi (anche ablazioni transcatetere); si può osservare tipicamente in persone giovani, talvolta soggetti sportivi, nei quali può essere considerato uno dei tanti segni di "vagotonia", cioè prevalenza della stimolazione di quella parte di sistema nervoso autonomo detta "vago". Non esistono sintomi che possano essere direttamente riconducibili ad un blocco di branca destra e di solito non è necessario approfondire il livello delle indagini. Non richiede alcuna terapia specifica. Di fatto, l'unica raccomandazione sta nella cautela a somministrare alcuni farmaci, specie antiaritmici.
Blocco di branca sinistra spesso abbreviato in BBS (in inglese è LBBB). In questo caso ad essere bloccata è, ovviamente, la branca sinistra del fascio di His. E' considerato più grave del controlaterale blocco di branca destra, non tanto perchè è coinvolto il ventricolo sinistro, quanto perchè la branca sinistra è normalmente divisa in due metà, l'emibranca anteriore sinistra e quella posteriore sinistra; quindi vuol dire che il blocco ha coinvolto una parte di cuore maggiore. E' ovvio che, essendo bloccata la branca sinistra e dovendo la corrente percorrere una strada più lunga per attivare il ventricolo sinistro, questo si contrae in ritardo rispetto al destro (si parla di millisecondi), mentre in un cuore normale i due ventricoli si contraggono simultaneamente.
Come per il destro, può verificarsi dopo ischemie, infarti, interventi sul cuore, può essere aggravato da effetti farmacologici e, in rari casi può essere anche congenito. Ancora una volta non vi sono sintomi specifici nè, a condizione che il cuore sia per il resto sano, saranno indicati ulteriori approfondimenti. E' però consigliabile, se lo si riscontra per la prima volta, eseguire quantomeno un ecocardiogramma e una registrazione Holter di 24 ore, che andranno ripetuti solo a giudizio del vostro cardiologo. 
All'ecocardiogramma si noterà chiaramente la contrazione anomala di questo ventricolo sinistro la cui branca è bloccata, pur non comportando (di solito) particolari conseguenze. 
Molto importante è la registrazione Holter, al fine di escludere ulteriori blocchi (magari notturni) del sistema di conduzione elettrico cardiaco, in quanto se presenti, potrebbe essere posta l'indicazione all'impianto di un pacemaker

Il BBS, che come appena detto, può decorrere senza sintomi in un cuore normale, può invece contribuire ad aggravare la funzione di contrazione di un cuore scompensato, cioè nel contesto di uno scompenso cardiaco.


In tale differente contesto (qui la forza di contrazione del cuore è tutt'altro che normale), quel ritardo di millisecondi già descritto sopra, peggiora le cose. Per ovviare tale fattore peggiorativo è possibile impiantare un dispositivo che rimetta in sincronia i due ventricoli (un pacemaker biventricolare), il cui impianto è più complesso di un pacemaker tradzionale. Il miglioramento così ottenuto può in tali casi essere discreto (in altri irrilevante)

7 commenti:

Anonimo ha detto...

mi è stato riscontrato un bbsx la mio medico mi ha prescritto come 1 passo un ecocolordoppler in attesa dell'esame ho cominciato a vedere in rete di cosa si tratta ed ho visto che Lei è l'unico a scrivere che il blocco anche se in casi rari può essere congenito.
In questo caso quali rischi si corrono rispetto adun blocco conseguente ad altri fattori?
Grazie del tempo che vorrà dedicarmoi e buona giornata
eduardo1967@libero.it

Anonimo ha detto...

qual è la relazione tra BBS e fibrillazione atriale?

Anonimo ha detto...

Salve,sono un uomo di 56 anni,ed mi e stata diagnosticata il blocco completo branca dx,
mentre quello sx con funzione a tratti.
Inoltre essendo sofferente di ernie discale e lombare,puo influire sulla fase cardiaca?.
Cosa rischio!. grazie

Anonimo ha detto...

buongiorno,mi.chiamo nunzia ho 59,tra pochi.mesi mi hannoscontrato.ritmo.sinuale.deviazione.di.braanca.sinistra neussuna cura mi hanno data sono preoccupata cosa fare.grazie.

Anonimo ha detto...

Salve,
sono una ragazza di 30 anni e mi è stato diagnosticato un bbs.
Devo preoccuparmi?

Massimo Capri ha detto...

Ringrazio. Un elettrocardiogramma che ho effettuato in data odierna ha rivelato un BBS. Ho sempre praticato lo sport e continuo a farlo. Mi sottoporrò ad altri test. Con il suo consenso mi riservo la facoltà di rivolgermi a lei.
Grazie
Geronimo.

Massimo Capri ha detto...

In data odierna mi è stato diagnosticato un BBS (BLOCCO DI BRANCA SINISTRO). Con il vostro consenso mi rivolgerò anche a voi.
Grazie.
GERONIMO

Posta un commento

Gentile lettore, commenta pure ma per chiarimenti o dubbi usa l'indirizzo di posta elettronica di cui sopra.
Grazie