domenica 13 novembre 2011

La Sincope e il Reveal


La sincope è, lo sanno tutti, una transitoria perdita di coscienza. Le conseguenze che può avere sono variabili, da poco importanti a drammatiche (per esempio durante guida di autoveicoli).
Benché le cause siano disparate (anche se in genere di tipo cardiaco o di tipo neurologico), in una buona percentuale di casi tali cause non si trovano, e la sincope può pertanto verificarsi nuovamente, con immaginabili conseguenze negative per il paziente. La sporadicità dell’evento (talora gli episodi possono verificarsi a distanza di mesi o anni tra loro) rende complessa la diagnosi, in quanto tutti gli accertamenti di primo livello che potrebbero essere fatti risultano non diagnostici.
Ad esempio, nel sospetto di una causa cardiaca (immaginiamo un blocco di conduzione o una eccessiva bradicardia o ancora tachicardie), il primo esame che si ritiene indicato è una registrazione dell’elettrocardiogramma di 24 ore (Holter) che però, avendo per l’appunto una durata limitata a 24 h (o al massimo 48 h), spesso non è in grado di identificare il problema.
Al fine di ovviare a tali limitazioni, per i casi di sincope di natura inspiegata è stato messo a punto (ormai da qualche decennio) un registratore, piccolo quanto un pacchetto di chewing-gum, che si impianta sotto la cute, nella parte anteriore del torace, con una piccola anestesia locale e con un taglio di circa 2-3 cm. Esso ha la funzione di registrare l’elettrocardiogramma sempre, per tutta la durata delle batterie (circa 2 anni e più). Tecnicamente si chiama “implantable loop recorder”; in origine prodotto da una sola Casa e battezzato Reveal, è oggi un dispositivo collaudato e rivelatosi di grande utilità, permettendo di identificare la causa cardiaca alla base di molte sincopi fino a allora considerate inspiegate.
Il dispositivo è utile tanto nei casi in cui la causa è chiaramente di origine cardiaca (se, ad esempio, viene confermato un blocco cardiaco si procede con l’impianto di un pacemaker) quanto in quelli non di natura cardiaca (in quanto si esclude il coinvolgimento del cuore e pertanto si approfondiranno accertamenti di altra natura, per esempio neurologici)
Esistono oggi sul mercato altri dispositivi, anche non impiantabili (cioè esterni), ma il loro uso è limitato e non ancora codificato, mentre l’impiego di un Reveal è codificato da diverse linee guida, tra cui quelle EHRA, le ultime del 2008, ove l’impianto di Reveal viene raccomandato in tutti i casi di sincope di natura indeterminata come approccio iniziale, prima ancora di sottoporsi ad accertamenti non invasivi che in molti casi potrebbero rappresentare una perdita di tempo e denaro.

Nessun commento:

Posta un commento

Gentile lettore, commenta pure ma per chiarimenti o dubbi usa l'indirizzo di posta elettronica di cui sopra.
Grazie